Angelo

Terso e imbandito per cadenti demoni

catafratti e metallici il cielo

e di zolfò l’aere incendia i miei occhi.

La mano coglie dei silenzi eterei

il frutto tra l’ali scomposte di gioia:

e di remote note forse vibrano

che un tempo allegravano le stelle.

Tu posi lassù l’arme, e il guardo

immenso di luce indugi alla Terra

di amore repleto per i declivi

del giardino antico dei primi umani

e un sospiro forse odo scendere

dai nembi ed una piuma cadere

ai miei piedi, bagnata di lacrime.

2 pensieri riguardo “Angelo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...