Stop alla replicazione

Replicare me stesso, una sorta di reincarnazione… Giammai! Dovrei esporre al fato, agli strali del caso, agli insulti della vita un innocente? Non sia mai! Generare un automa che diventerà servo di qualche altro automa? No. Per perpetuare la specie umana, codesta accozzaglia di materiale biologico biodegradabile, materiale per la selezione naturale? “Proviamo se questo coso evolve e si arrangia, prendendo mazzate, perdendo il sorriso ben presto, in mezzo ad una caterva di carogne…” Mai! Finito qui. All’inferno: specie, individui, accozzaglia di cellule. Metti che mi nasca un rompicoglioni insulso che per decenni non faccia altro che rumori come l‘inquilino immortale del piano di sopra, tutto uno scalpitare di zoccoli, rumori sordi e tonfi, barrire di mobili, stridere di sedie, strascicamenti di oggetti, cadute di gravi. No, e ancora no.
E un cazzone idiota, che non sa perché sta al mondo? Un violento psicopatico? Un dittatore genocida? Evitiamo. Uno sfigato, povero pirla, brutto e triste, solo e umiliato, offeso e schiacciato che non vede l’ora di crepare? Nemmeno per sogno!
Ci vuole un bel coraggio per mettere al mondo, questo mondo, con questa gente, un povero piccolo essere che non ha fatto nulla di male. Chiuso. Bastai io.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...